Facebbok  Ι  
Sul Web Nel sito

ALLOGGI DIFESA ANALISI INFORMAZIONE E ISTRUZIONE PER L'USO

SPECIFICITA’ INSEGUITA - CANONI DI MERCATO CON SFRATTO REALI. LETTERA APERTA AGLI AMICI DEL COCER
A proposito della conferenza stampa del 6 luglio 2010

di Sergio Boncioli

Molti sono gli argomenti portati a sostegno della “specificità” nel dibattito interno del COCER ed è stato per questo oggetto monotematico nel corso della conferenza stampa tenuta dall’Organo di Rappresentanza COCER in merito alla manovra finanziaria in discussione al Parlamento.

Di conseguenza grande è stata la risonanza avuta presso i mezzi di comunicazione, da cui CASADIRITTO prende spunto . Quello che desta in noi qualche riflessione è che in quella occasione , su un tema come quello degli alloggi, che rappresenta anche per il COCER un nervo ancora scoperto (su come è andata a finire la faccenda sul Regolamento Alloggi, sul quale almeno stando alla Delibera del 31 marzo non ha potuto esprimere alcuna opinione sul testo inviato alla Corte dei Conti ), ebbene non un cenno, non una parola è stata spesa. Eppure qualche problema non risolto esiste.

CASADIRITTO ha sempre sottolineato che almeno in questi ultimi anni, c’è stata una volontà dell’Organo di Rappresentanza di affrontare con convinzione, conoscenza dei fatti, di arrivare a certe conclusioni senza pregiudizi e luoghi comuni: insomma a scoprire la” verità “. Ma a questo punto c’è stato un blocco,un sentore che oltre quel limite non si poteva più andare ; il COCER aveva “saputo” però ora toccava alla politica. Ed i fatti poi li abbiamo visti……

Con questa nota ,vogliamo chiarire, esprimiamo solo una opinione,non se ne vogliano gli amici del COCER che abbiamo avuto come insostituibili interlocutori sensibili ed attenti in questi ultimissimi anni . Nell’occasione, avremmo maggiormente apprezzato parole di sofferenza di un problema quale quello degli alloggi , di riconoscimento e di incoraggiamento ed almeno di condivisione nei fatti, nello sforzo sovrumano che CASADIRITTO sta sostenendo in solitudine, nel tentativo di eliminare un emendamento, che in definitiva è un pensiero diffuso in certi ambienti” piovuto” da chissà dove, che rende migliaia di famiglie come “ occupanti ” rendendole di fatto veramente clandestine ed abusive, dopo aver in maniera sotterranea ed astuta ( ? ),annullato qualsiasi norma fino ad oggi operante che li rendeva legittimati.

Questo emendamento che si vorrebbe introdurre nella manovra finanziaria (emendamento Azzolini) realizzerebbe un sogno inconfessabile : provocare l’uscita di queste famiglie attraverso il pagamento di un canone di mercato “ di occupazione “ insostenibile “ per i più, con obbligo di rilascio. Avremmo voluto che questo tema, che come noto investe anche più di 2000 famiglie di militari attualmente in servizio definendoli, anche essi “ occupanti “ fosse stato trattato nel corso della conferenza stampa, che trattava appunto, di finanziaria.

Questo avrebbe certamente destato interesse attraverso i mezzi di informazione presenti in conferenza.
E’ appena di queste ore la notizia che ci perviene da L’Aquila,ove decine di famiglie di militari terremotati, abitanti gli alloggi della Difesa, a modo loro,rivendicano una “ loro specificità “insieme agli utenti di tutta Italia ,di non essere considerati “occupanti “, che non gli siano tolte leggi giuste ed attribuito un canone impossibile.
Ed è per questo che aderendo all’appello di CASADIRITTO ,hanno inviato e stanno inviando una “ specifica “ richiesta via fax ed e mail, al Presidente Berlusconi, al Ministro La Russa affinchè l’emendamento venga fatto decadere. CASADIRITTO,comunque, di questa occasione non ne vuole fare un caso; al massimo rappresenta una occasione mancata , ora che il tempo sta per scadere.

Un saluto agli amici del COCER, dagli amici di CASADIRITTO con stima e simpatia

8 luglio 2010

STRADAFACENDO

CASADIRITTO NEWS

Casadiritto è anche su Facebook e Twitter
Si ricorda che tutte le norme, leggi e regolamenti citati, sono riportati all'interno del sito. Tutti ne possono prendere visione e scaricare i contenuti anche nella stesura originale
Per contribuire a Casadiritto versamento tramite c/c postale n. 1004499925 oppure con bonifico IBAN n. IT43 T076 0103 2000 0100 4499 925 intestato a Benedetto Franchitto con causale CASADIRITTO

ADNKRONOS