Facebbok  Ι  
Sul Web Nel sito

ALLOGGI DIFESA ANALISI INFORMAZIONE E ISTRUZIONE PER L'USO

condividi         

RIDERE O PIANGERE? SCEGLIAMO DI RESISTERE

VIOLATO L’ART, 286 comma 1 del C.O.M.

-------------


NON SIAMO UN “CARICO RESIDUALE”


A MILANO L’AERONAUTICA


Quanto sta avvenendo a Milano, è allucinante. Il Comando Aeroporto Quartier Generale della 1^ Regione Aerea, con il foglio che si allega in copia, n AMI 004 0060930 2022 appena inviato ai concessionari degli alloggi di servizio, di cui il Comando ne ha la giurisdizione e la gestione, una comunicazione relativa all’adeguamento dell’indice ISTAT. Se non che nell’attribuzione dell’aumento intervenuto sugli attuali canoni, Il Comando ha inteso applicare tale aumento nella misura del 5,85% per gli utenti con titolo, e del 7,8% per quelli che chiama “ sine titulo” ma che in realtà sono quelli con il titolo di concessione scaduto o comunque permangono negli alloggi per particolari disposizioni all’interno dei Decreti alloggi, godendo di norme specifiche.


A TUTTI NOTO MA NON AL COMANDO AERONATICA

Come noto alle persone normali, dotate di intelletto cognitivo, ma evidentemente ci sono delle eccezioni, il Comando in questione applica l’indice di rilevazione annuale di rilevazione annuale differentemente da come recita la norma indicata a chiare lettere all’articolo 286, comma 1 del C.O.M., 15 marzo 2010 legge n. 66 e successive modificazioni , tra cui il Decreto Legislativo 28 gennaio 2014 “….è aggiornato annualmente in misura pari al 75 per cento della variazione accertata dall’Istituto Nazionale di Statistica ….” Ribadito inoltre dal Decreto Pinotti del 7 maggio 2014 paragrafo c).

Come noto e come ricordiamo ai distratti, tale norma di perequazione ISTAT tra utenti con titolo e tutti gli altri, è stato il frutto di una battaglia che CASADIRITTO è riuscita a vincere, con interrogazioni, Risoluzioni, mozioni e altri atti preliminari parlamentari, assieme ad altre norme, parte accolte e parte no, ma comunque legate sempre ad un filo logico teso al miglioramento delle ingiustizie piu’ evidenti. Un cavallo di battaglia vittorioso assieme all’altra norma che consente a variazione, attraverso l’entità del reddito lordo, di variare il coefficiente correttivo di anno in anno e non per sempre. Questa del 75% e’ stata una battaglia vinta ed è per questo, che non applicarla ancora dopo 8 anni è semplicemente inspiegabile.


INVECE I “ BUONTEMPONI” DEL COMANDO DI MILANO, VORREBBERO CONSIDERARCI UN “ CARICO RESIDUALE”

…hanno deciso di applicare per loro conto, alla milanese, la norma, parte al 75% e parte al 100%, naturalmente per quella parte di utenti cittadini, da loro evidentemente considerati di scarto, i paria, quelli considerati da disprezzare e ghettizzare ( Ricordiamo che questi sono quelli che hanno vietato l’ingresso agli impianti sportivi e ricreativi al circolo ricreativo auto considerato” roba loro” , e che non hanno ancora risposto a chi a chiesto loro, secondo quelle norma lo ha fatto vietare anche ai bambini e familiari di quelli che avevano il titolo scaduto.


Ma la questione, è bene che lo sappiano i responsabili di questo ordine, è ancora aperta e ci dovranno prima o poi rispondere) dicevamo quelli che non sono “sopportati” e considerati di categoria da emarginare , a questi viene applicato l’aumento pieno dell’ISTAT vale a dire il 100%.


A QUESTO PUNTO CI CHIEDIAMO:

Durante gli anni precedenti, a partire dal 2014, questo Comando di Milano, su quale percentuale ha effettuato le variazioni ISTAT? Nella misura del 75% come dovuto o del 100% come , CASADIRITTO è arrivato a scoprire nell’anno in corso. Su questa domanda si attende una risposta da parte del Comando Aeronautica in questione.

Nella lettera inviata. Immediatamente esecutiva , viene inoltre comunicata l’applicazione che le “…. Spese mensili forfettarie trattenute ai concessionari di alloggio ( sia in titolo che senza titolo)
Sono state incrementate di circa il 20%, sul consuntivo del 2021 considerando i maggiori costi ”stimati” in considerazione, dice, dell’attuale contesto economico-finanziario ….

Su questo secondo aspetto del 20% forfettario, ci sarebbe molto da eccepire, Se è una stima, almeno il Comando renda note le spese a consuntivo del 2021 su cui si procede alla stima del 20%. E’ possibile rendere conto agli utenti del consuntivo stesso?

Per quanto riguarda invece l’aumento ISTAT , se questo Comandante o Comando che sia, dopo i doverosi accertamenti, che saranno effettuati dopo la lettura di questo articolo che perverrà al Comando, applicherà in modo diverso dal Codice di Ordinamento Militare tale ritenuta o addebito, in conseguenza delle risultanze dell’ISTAT, sicuramente rischia molto. Non siamo in grado di definire in modo giuridico quale reato eventualmente sia individuato ma probabilmente non si discosterà di molto dall’abuso di potere e/o e dall’appropriazione indebita. Faccia i suoi calcoli con oculatezza e non giochi con i soldi degli altri.

Oltretutto questo comportamento è maggiormente da biasimare dal momento che molte famiglie debbono affrontare i gravi problemi che quella che la lettera definisce “ in considerazione dell’attuale contesto economico-finanziario” “ Proprio così Comandante, proprio per questo lei e il suo Comando debbono essere ed avere un comportamento oculato, per rispetto e non per disprezzo.

Lei conosce bene che gran parte del personale che lei vuole colpire, è proprio quello piu’ fragile e maggiormente colpito da quelle condizioni di necessità economiche. Colpirle in maniera impropria sarebbe una colpa da deplorare contro il buon senso oltrechè un atto illegale. Lei viola leggi e regolamenti ed è del tutto secondario se lo sta facendo per dolo o per negligenza dovuta ad incapacità cognitiva. noi utenti, noi pensionati, noi vedove, noi affetti da gravi patologie, noi con titolo di concessione scaduto in servizio o in pensione, noi di CASADIRITTO,


NOI NON SIAMO UN CARICO RESIDUALE, se lo metta bene in testa.


Ci aspettiamo quindi, che immediatamente provveda a smentire se stesso annullando quelle lettere già inoltrate ai destinatari. Ma non sarà sufficiente, Per non incorrere in altri errori che quel Comando non disdegna come tante altre volte è stato fatto, di commettere, consigliamo di organizzare un bel corso di alfabetizzazione per tutti quelli che si occupano di alloggi, compreso il Comandante.

TRA IL RIDERE O IL PIANGERE,IN TANTI CASI E IN QUSTA OCCASIONE

CASADIRITTO PREFERISCE UN VERBO E UN COMPORTAMENTO INEQUIVOCABILE: RESISTERE.


N.B. In previsione dell’atteso incontro con il Ministro della Difesa Guido Crosetto, richiesto con il documento a lui inviato e pubblicato sul sito, stiamo preparando un voluminoso dossier. Fra tanti argomenti solleveremo anche il caso ora affrontato sia con lui che con la Commissione Difesa, appena operante. E’ esemplificativo e definisce bene lo stato comatoso in cui versano i Comandi nell’occuparsi di alloggi.


Sergio Boncioli

Roma li 8 novembre 2013


Allegati:
   la norma del COM violata dal Comando Aeronautica di Milano
   La lettera inviata agli utenti di Milano

SOSTIENI CASADIRITTO

Per contribuire a Casadiritto con bonifico IBAN n. IT30 F076 0103 2000 010 3787 6560 intestato a Carangelo Antonio con causale CASADIRITTO

ADNKRONOS