Facebbok  Ι  
Sul Web Nel sito

ALLOGGI DIFESA ANALISI INFORMAZIONE E ISTRUZIONE PER L'USO

Argomenti – pagina 3

7 maggio 2013

D. - Salve signor Sergio ho letto molti articoli sul suo sito...........veramente belli. Le mando un allegato sulla vendita delle case alla casta.Mi chiedo come mai questi prezzi cosi a loro al centro di ROMA e dico ROMA mentre a noi militari le vendite delle case (nei posti piu remoti) con il degreto la Russa/Grosetto prezzi esorbitanti..........a noi hanno applicato OMI senza tenerconto della vetusta degli appartamenti, noi servitori della patria che con 2000 € al mese dobbiamo tirare avanti famiglia con figli con relativi mutui.............. e loro poveretti con 10000 € non arrivano a fine mese? Questa è verramente una schifezza.............Per favore lo metta in evidenza dove può.............Cordiali saluti............un amico.....

R. - Caro Amico, il Decreto delle vendite porta la firma di un Ministro della Difesa, La Russa, che lo ha firmato il 18 maggio 2010, malgrado CASADIRITTO e parte del Parlamento avevano fatto notare quante assurdità contenesse. Ed è per questo che lo vogliamo cancellare.Un caro saluto Sergio Boncioli

6 maggio 2013

D. - Grazie Boncioli per l'e-mail inviata. Ne approfitto per farti una domanda. Sono andato in pensione il 1 set 2011. Nel 2012 non mi è arrivata la lettera con l'aumento ISTAT. All'inizio di gen 2013 mi sono scaricato il valore dell'aumento ISTAT del 2012, me sono calcolato il nuovo canone e sono andato a pagare le tasse all'Ufficio del Registro mandando all' 8° REPARIFO le relative carte. La lettera con il calcolo e la relativa trattenuta del canone (circa 1350 euro) secondo la legge Berlusconi, La Russa, Crosetto non è mai arrivata, quindi continuo a pagare i 900 euro secondo la vecchia legge. Vorrei sapere se via Todi si sveglia fra tre anni mi chiederà gli arretrati? circa 6000 euro/anno. In quel caso dovrò fare ricorso all'Avvocato? La nuova legge Berlusconi La Russa Crosetto è ancora valida? .... o il tutto si è bloccato ... Ti ringrazio comunque per il lavoro che fate e quando puoi, fammi avere lumi. grazie. Buona Giornata Marco

R. - Caro Marco, questo singolare e preventivo fai-da-te- per quanto riguarda l'ISTAT che i Comandi non hanno provveduto ha comunicare nella loro esatta applicazione, è perlomeno pericolosa, in quanto il canone deve essere sempre comunicato e notificato all'ente pensionistico o all'ufficio amministrativo. La registrazione poi deve seguire gli importi comunicati. A tutti, il Comando della Capitale non ha più comunicato da almeno due gli aumenti ISTAT e questo è non spiegabile. Come non so spiegarmi del perchè non ti è arrivato ancora il canone di mercato. Ricordati che esso va solo in atto nel momento della notifica, contro la quale potrai fare ricorso entro 60 gg. I canoni di mercato sono pienamente in vigore. CASADIRITTO vuole abolirli. Il TAR ne ha temporaneamente invalidato i contenuti e le notifiche, ma soltanto per chi ha fatto ricorso.Per gli altri ne esige il pagamento.Rimani sempre in contatto. Un caro saluto Sergio Boncioli

5 maggio 2013

D. - Salve Sergio, apprezzo il Suo impegno per noi bistrattati utenti "sine titulo" degli alloggi della Difesa in via di dismissione. Ritengo comunque si debba fare pressione sul nuovo governo per ottenere in primis la sospensione delle alienazione degli immobili in corso per avere una completa revisione delle procedure fin qui applicate. Se è vero come è vero che il tutto è scaturito dalle necessità di risanare la situazione economica del paese anche cedendo il patrimonio immobiliare,non si capisce perchè sia stata data una proroga di CINQUE ANNI alla messa in asta degli areneli che avrebbe dato un gettito ben piu sostanzioso. Forse perchè ci sono situazioni di potere che contano di piu delle famiglie che possono tranquillamente essere messe sulla strada per recuperare qualche spicciolo che è gia dissipato ancor prima di essere incassato. Fatta questa premessa un po polemica vorrei che attraverso CASADIRITTO si perseguisse l'obbiettivo di arrivare ad una sanatoria nel senso di poter accedere da parte degli utenti sine titulo ad una forma di affitto acquisto, peraltro gia in larga espansione o ad una forma di riscatto,cio e indubbio che comporterebbe un minor gettito di entrate immediate ma le darebbe in continuità

per i prossimi anni. Inoltre penso che il progetto esplicitato dall'ex Ministro della Difesa di impiegare i fondi recuperati dalle vendite degli alloggi per fare nuovi alloggi per i militari in servizio e per l'ammodernamento della Difesa sia del tutto fuori luogo in un periodo come questo per due ragioni: La prima è che da quando sono entrato in servizio non si è fatto che ammodernare senza mai arrivare ad una conclusione finale cambiando e ricambiano in corso d'opera ottenendo solo confusione eperdita di efficenza e comportando costi vieppiù pesanti per la collettività; La seconda vorrei che rispondesse qualcuno del presente Governo per dirci che fine hanno fatto i soldi degli affitti incassati da decenni e che dovevano essere destinati all'edilizia per alloggi di servizio; La terza e la più importante vorrei sentire sempre dal presente governo che appare molto sensibile alle problematiche sociali se noi "SINE TITULO" siamo degni di attenzione tenuto conto che la situazione attuale è stat creata propio dalla Difesa e non da noi,se i "SINE TITULO" esistono è perche sono stati creati dalla Difesa.

Io sono un utente che avendo la moglie pensionata,avendo una belle pensione ed un figlio che lavora sarei fra quelli "BENESTANTI" ai quali si può applicare tranquillamente il 50% in più di affitto,si può applicare l'affitto di mercato, si può togliere l'indicizzazione della pensione,si può far pagare l'aggiornamento del canone ISTAT al 2%,,si può far pagare i ticket con veri e propri salassi. Bene mi crede se le dico che malgrado le condizionei citate devo ricorrere all'aiuto del figlio e che spesso devo decidere se pagare le bolllettempagare le tasse o mangiare?Per non parlare di arrivare a fine mese! Posso immaginare chi ha un reddito più basso!

Non sarebbe ora di capire per chi ci amministra che a forza di togliere e tassare anche redditi che dovrebbero consentire una vita dignitosa sono diventati del tutto insufficienti! Da un conto effettuato ho rilevato che tra IRPEF,IVA,jnposte dirette,indirette, bolli e quantaltro ,dimenticavo L'affitto,lo Stato mi mangia piu del 70% del reddito! Non ho più parole ma tanta tanta rabbia! Col.f.par.cong.Luigi

R. - Caro Luigi, al primo punto del nostro impegno, vi è certamente l'obiettivo di cancellare tutte quelle norme che sono alla base delle nostre preoccipazioni e sono diretta conseguenza dei Decreti sui canoni di mercato e sul Decreto gemello sulle vendite. Ma quello che bisogna sapere è che quelle norme non nascono dalla necessità di risanare la situazione economica, come mi dici. Al contrario quelle norme creano alloggi vuoti, per via della insostenibilità dei canoni, e poche vendite. Ma questo era negli obiettivi che avevamo rivelato, ma non abbiamo potuto impedire. Ora si tratta di avere la forza di convincere il nuovo Parlamento, in una situazione molto difficile di ingovernabilità sostanziale e di convincere la Difesa che è cosa pressochè impossibile, almeno che non voglia abbandonare la politica sotterranea e non sincera che sugli alloggi, persiste da sempre. Ti ringrazio per le tue considerazioni. Un caro saluto Sergio Boncioli

5 maggio 2013

D. - Grazie per il documento inviatomi. Ho da formularti una richiesta: Sono stato presso l'Agenzia delle Entrate e sembrano un pochino perplessi nell'accettare la registrazione per più di un anno, ho riferito loro che a Roma non hanno trovato obiezioni e quindi mi hanno chiesto di vedere un atto registrato con dette modalità. Quindi se non hai nulla in contrario mi potresti mandare via e-mail, a titolo di esempio, una copia di registrazione fatta con i moduli previsti (F23 o altro documento) per più di un anno? certo della tua cortese collaborazione ti ringrazio ed in attesa di un tuo riscontro porgo. Cordiali saluti Cosimo

R. - Caro Cosimo, loro ti dicono che sono un pochino perplessi nela registrazione per più di un anno, Tu, a parere mio, dovevi affermare di essere molto, ma molto perplesso per la loro insipienza. Ti inv ierò la mia regisrazione presso l'Agenzia delle Entrate di Roma, per 3 anni. Però dobbiamo sempre avere la capacità di far valere i nostri diritti. Non possiamo sempre avere la santa pazienza. Un caro saluto Sergio Boncioli

27 aprile 2013

D. - Gentile Casadiritto con la presente vorrei chiedere se si conoscono i redditi relativi all'anno 2012 del decreto gestione annuale per poter esercitare la scelta della conduzione dell\'alloggio ASI in alienazione sito in Rimini che attualmente occupo, non potendo acquistare visto i prezzi di valutazione iniziale più alti del mercato immobiliare del nuovo della stessa zona con conseguente difficoltà ad accedere ai mutui per stima perito banca inferiore al valore delle proposte e per l'età che non consente un mutuo sopportabile con gli attuali redditi. Ringrazio anticipatamente l'Associazione tutta per il lavoro che svolge quotidianamente per i diritti di tutti. Cordiali Saluti Gino.S

R. - Caro Gino, i redditi relativi all'anno 2012, se ti riferisci al Decreto annuale, ancora non sono stati determinati poichè il relativo Decreto ancora deve essere fatto. In assenza, vale quanto determinato per l'anno 2011 cioè euro 41.912,10. Con questo reddito potrai rimanere 5 anni. Per altri particolari puoi telefonarmi. Un caro saluto Sergio Boncioli

26 aprile 2013

D. - Ciao Sergio, Ne approfitto per rinnovarti le mie più profonde condoglianze per la perdita della mamma; notizia appresa dal sito per la quale ti ho subito inviato un messaggio di condoglianze. Ti informo che la settimana scorsa tecnici dell'11° Reparto Infrastrutture di Palermo hanno effettuato le misurazioni degli alloggi occupati dai "sine titulo" quì a Messina (credo lo abbiano fatto su tutto il territorio di competenza). Ho chiesto il perché di queste nuove misurazioni (già effettuate due anni fa) e mi hanno risposto che sono state richieste "dall'alto" per quantificare il "canone definitivo" che certamente tenderà a somigliare al termine usato dalla banda di "obj 9", cioè "insostenibile": vedremo. Hanno misurato nuovamente le stanze, i servizi, cantine, garage, finestre, porte, corridoi, le dimensioni dei termosifoni, ecc., oltre a compilare una scheda che doveva illustrare lo stato dell'immobile (impianto elettrico, idrico, ecc). In essa, però, non era chiesto se l'utente aveva effettuato a sue spese le riparazioni e gli interventi che, come la tinteggiatura, mantengono in stato decoroso l'alloggio. Ti farò sapere. Un abbraccio nino

R. - Caro Nino, ti ringrazio per il tuo pensiero. Al riguardo del nuovo sopralluogo, è certo che è finalizzato alla determinazione del canone di merato, in quanto la prima scheda era fatta "a fantasia". Ti invito, una volta in possesso della scheda tecnica risultante, di esaminarla. Ti ricordo che il canone scatta soltanto dal momento della notifica del definitivo, come da regolamento, che deve avvenire secondo le norme stabilite dalle notifiche, come per gli atti giudiziari. Per quanto riguarda le spese, queste semmai sono prese come migliorie che vengono conteggiate a nostro danno. Si può ben dire: NASCONDETE I VENTILATORI, potrebbero essere scambiati per impianti di condizionamento. Un caro saluto Sergio Boncioli

18 aprile 2013

D. - SALVE, SONO IL M.LLO STRIANO TI VOLEVO CHIEDERE SE E' VERO E DOVE E' SCRITTO CHE L'IMPORTO DEL CANONE DI MERCATO RIMANE CRISTALLIZZATO ALL'ATTO DELLA NOTIFICA. QUANDO IL DECRETO DEL 16/03/2011 ART. 3 COMMA 2 PARLA CHIARO.- GRAZIE

R. - Caro Striano, per essere esatti, secondo quella per noi errata interpretazione del Comando di Torino, quello che a suo dire rimane "cristallizzato" è il coefficiente correttivo iniziale, con il quale viene parametrato il canone pieno. Ciò non sta scritto da nessuna parte, e oltremodo è un controsenso. Stiamo cercando di risolvere il tutto con contatti diretti. Quella strana interpretazione sarebbe grave per tutti gli utenti colpiti da Crosetto.Un caro saluto Sergio Boncioli

11 aprile 2013

D. - Onore al M.llo Scapuzza per tutto quello che sta facendo per far valere i propri diritti. Ma una noce in un sacco non fa mai rumore pertanto invece di starcene a casa a vedere gli altri cosa fanno organizziamo una manifestazione nazionale per far sentire a questi signori che le noci sono tante altrimenti questa battaglia non la vinceremo mai.

R. - Caro Gennaro, ma tu credi che il maresciallo Scarpuzza sia un caso isolato? Che sia solo? CASADIRITTO sono molti anni che attraverso lo strumento delle manifestazioni, incontri convegni e colloqui con i vertici della Difesa, adotta di volta in volta i criteri per meglio portare avanti le richieste di difesa delle famiglie sul problema della casa. Chi ti scrive ha subito negli anni, le peggiori ritorsioni ed incredibili insulti, per dare coerenza alla nostra azione e non sempre l'attenzione e la solidarietà di tante persone, non si è manifestata. Il problema della casa seppure di tanti in Italia nel settore della Difesa, non è in grado di catalizzare l'attenzione dell'opinione pubblica quando ci sono molti milioni di disoccupati, di cassaintegradi e di esodati che non trovano da anni nessuna risposta. Sulla casa ormai tanti cittadini vivono in macchina o per strada oppure occupano vecchi edifici.Noi abbiamo un problema in più. Non basta avere ragione. Dobbiamo convincere gli Stati Maggiori. Molti sono in servizio e non si espongono. In molti hanno paura persinodi telefonare e prudentemente lo fanno le mogli che in certi casi sono più battagliere.Goditi CASADIRITTO finchè puoi e finche con tante difficoltà continua ad esistere e partecipa alle nostre iniziative. Anche e soprattutto così potrai aiutare te ed il maresciallo SCARPUZZA. Ti accorgerai che le noci e non solo, ci sono. Basta che partecipiano in maniera possibilmente intelligente. Il "casino" di una giornata non serve a niente. Te lo dice uno che negli anni 90, per difendere un maresciallo da un recupero coatto, ha iniziato una lunga strada, da cui è nato CASADIRITTO. Un caro saluto Sergio Boncioli

11 aprile 2013

D. - Gentile Sergio, ringraziandoti per la premura dimostrata nel rispondere alla richiesta d'aiuto della missiva precedente, con queste poche righe vorrei mandare un messaggio di speranza per coloro che sono in attesa di definire la propria posizione nei confronti dell'amministrazione centrale. Con lentezza ma qualche cosa si muove, e per il sottoscritto ed un collega in pensione il tutto si è concluso con la firma sull'atto di copra vendita di fronte al notaio. Ora finalmente sono proprietario. Cordiali saluti Manuele

R. - Caro Manuele, come la tua testimonianza dimostra, la nostra azione, sia nelle vendite che sui canoni, è rivolta ad introdurre norme tali da rendere accessibili, comprensibili ed equi quei provvedimenti che in maniera determinante vanno ad indidere sulla sostenibilità ed il futuro delle nostre famiglie. Nel tuo caso ce l'hai fatta ed è significativo che CASADIRITTO in qualche modo è risultato di tuo aiuto. Continua a seguirci e sostenerci se vuoi, un caro saluto Sergio Boncioli

7 aprile 2013

D. - ciao Sergio, mi associo al tuo triste pensiero a riguardo della scomparsa degli amici di Civitanova Marche. E il sindaco cosa a detto in sua discolpa? che non sapeva nulla dell'accaduto. Quando poi a detta degli amici del proprio condominio si erano rivolti anche alle autorità locali invece. Che dire sono indignatissimo per tutto ciò. E per quanto rigarda noi "Sine Titulo"cosa fa l'Amm.ne della Difesa? se ne........ scusa del mio sfogo ma tutto ciò è inaudito.
PS. Ho letto del tuo articolo a riguardo agli alloggi demaniali di Como che dire: continua la serie...... ciao buona domenica a te ed ai tuoi cari e tutti gli amici di CASADIRITTO.Ciao alle tue prossime nuove. Grazie ancora e che la battaglia continua.Tu sai a cosa mi riferisco. Crosetto La Russa. Roba da matti non ci posso credere.....

R. - Caro Mario, sempre presente per dire il tuo pensiero su ciò che accade.Tante volte, dato che la crisi è sistemica, affitti, pensione, lavoro,l'intervento dell'Autorità locale, che si può manifestare al massimo in una mera assistenza del quotidiano, come mense, o al limite nelle grandi città, in una sistemazione provvisoria per breve periodo in un residence, non risolve , quando i problemi si sommano (esodati, affitto). Chiedere un lavoro per un anziano muratore a 62 anni, è una provocazione. Sarebbe meglio averlo mandato in pensione dopo aver lavorato una vita.Un caro saluto Sergio Boncioli

18 marzo 2013

D. - Caro Sergio,mentre ti scrivo questa mia, sul portale Gr.Net.it (Informazione indipendente su sicurezza e difesa) del 18/3/2013 delle ore 20,27 c'e' un articolo riguardante una mozione,firmatari Nicola Ventola, Giulio Marcon, e Gennaro Maglione che riguarda per i primi 100 giorni del nuovo governo. Rivedere la questione dei cacciabombardieri F35 E rivedere modificare o annullare le leggi o decreti per quanto riguarda "il nuovo modello di Fifesa. e li ho pensato. Avvisando il nostro condottiero ed illustre amico Sergio, perche' non inviare anche noi al nuovo Governo un appunto con le nostre problematiche degli alloggi,dei canoni ecc. ecc. PS. colgo l'occasione per ringraziarti ancora una volta del mesasaggio speditomi a riguardo di quei famosi condomini(un casotto completo. Ciao grazie ancora ed alla prossima con buone tue nuove. PS. penso di aver fatto una cosa gradita avvisandoti di questa mozione presentata dalla "Sinistra Ecologica Liberta 'Cosi' di aver tempo anche noi come CASADIRITTO di organizarci e fare con il Governo anche noi la nostra parte e speriamo in bene questa volta. Ciao buon lavoro e buona serata. Mario "Sine Titulo"

R. - Caro Mario, il Governo non è una cosa astratta. Quando sarà composto (lo speriamo tutti e che tutti la smettano di fare solo i controllori, mestiere nobile ma non bastevole per risolvere i problemi) cercheremo di muoverci in maniera adeguata per smntellare quella montagna di guano che ci ha sommerso per gli "anni insostenibili" che noi conosciamo. Poi dovranno essere composte le Commissioni, su cui occorrerà lavorare. Ne avremo la forza? Dipenderà da noi tutti. Un caro abbraccio Sergio Boncioli

18 marzo 2013

D. - Carissimo Sergio, ho ricevuto stamane la tua mail relativa alla richiesta di blocco di vendita degli alloggi della difesa, in quanto non più in linea con le valutazioni di mercato del momento, peccato tocchi a CASADIRITTO evidenziarlo, quando abbiamo un comando centrale con un organico del 300% e forse più, ma questi come tanti altri sono i misteri della nostra organizzazione. Io ancora non sono interessato a questo problema, bensì al canone di affitto, che nel mese di aprile toccherà l'anno e mezzo di PROVVISORIATO, cosa inconcepibile per un paese democratico come il nostro, quanto ancora dovremo aspettare per vederci definire tale canone? Può essere di buon auspicio questo ritardo? (anche se non ci credo minimamente) Il comando da cui dipendo (PADOVA) ogni qualvolta telefono mi risponde che stanno per inviarlo, ma ad oggi il nulla. Sai darmi invece notizie per quanto concerne la rideterminazione del canone per coloro che rientrano in fascia protetta? Sempre lo stesso comando, mi ha fatto sapere di aver posto un quesito in merito, allo SME, hai notizie relative a ciò? Ti saluto cordialmente con l'assicurazione che non mancherò nel sostenervi materialmente, consapevole degli sforzi che giornalmente affrontate. Claudio

R. - Caro Claudio, tutto ciò che riguarda i prezzi delle case, ricade inevitabilmente anche sul prezzo dei canoni, in quanto per quelli di mercato dovrebbero essere impiegati degli indicatori che riflettono appunto l'andamento del mercato. Per quanto riguarda l'atteggiamento dei Comandi per chi rientra nei parametri reddituali, questo è molto controverso, in quanto alcuni Comandi lo prevedono, altri chiedono lumi ai loro superiori, dimostrando ancora una volta, di capirci poco o niente. Se vuoi espormi meglio il caso, telefonami direttamente. Un caro saluto Sergio Boncioli

18 marzo 2013

D. - Potrei avere le ultime su questo aegomento che, pare, sia nuovamente in discussione? Grazie e cordiali saluti.

R. - Caro Enrico, sul sito ci sono, quando ci sono, tutte le novità o purtroppo le conferme. Un caro saluto Sergio Boncioli

17 marzo 2013

D. - Caro Sergio dopo il tuo contatto, nella giornata di Sabato, alcuni colleghi hanno ricevuto la nuova lettera di vendita che da informazioni veloci sembra contenere un correttivo sul prezzo dai 10 ai 15000euro.Sarò più preciso nei prossimi giorni e ti darò dati più esatti consultando qualche pratica pervenuta. Ciò chiaramente non rispetta assolutamente i dati di mercato hanno solo fatto dei correttivi di piccola entità come mormorava in un filmato precedente in risposta alla Commissione il Gen Noto niente di più.Continuano a proporre il paccotto. Chiaramente i primi hanno un tempo di 60 giorni per rispondere alla nuova indegna proposta. Per ora un saluto affettuoso ed al prossimo contatto.

R. - Caro Roberto, la correzione apportata non farebbe ancora rientrare la quotazione all'interno di quanto legittimamente atteso. Bisognerebbe vedere oltre che la cifra in assoluto, quali parametri erano prima e quali sono adesso. Poi sulle singole variazioni fare delle considerazioni tecniche. Penso che già sarai in contatto con Ciconte per le valutazioni di carattere anche giuridico. In attesa di ulteriori sviluppi ti invio cari saluti. Sergio Boncioli

14 marzo 2013

D. - Gentile Casadiritto,
in data 21/02/2013 mi è arrivata la lettera per la vendita dell'alloggio demaniale che occupo. L'alloggio si trova a Brescia in via Cucca n°16. Non mi soffermo qui sul prezzo di vendita (facilmente definibile "assurdo" per questo appartamento) nè sul degrado in cui sono stati lasciati questi alloggi (ultimo lavoro che ricordo a inizio anni 2000). Quello che voglio porre alla vostra attenzione, sono determinati "buchi" che si sono venuti a creare, buchi di incomprensione. Adesso mi spiego. Sto prendendo in considerazione la possibilità di continuare il contratto di locazione, ma ci sono dei punti oscuri che nemmeno una telefonata e una mail, agli estremi riferiti nella lettera, sono riusciti a chiarire. Premessa: dopo una lettera del 2011, la quale mi informava che il canone in essere (98,23) sarebbe rimasto valido fino al 30/06/2012 compreso, non ho avuto più nessuna comunicazione in merito alla rideterminazione del canone, e ancora oggi pago 98,23 . C'è da dire che gli altri condomini sine titulo hanno invece avuto rideterminato il canone. Ora, mi trovo in una situazione di imbarazzo: dalla lettera di vendita si evince che io pagherei un canone, al nuovo proprietario di casa, uguale a quello in essere al momento dell'acquisto (demanio-privato). Mi chiedo: saranno ancora questi 98,23? Io ho due mesi per decidere (ormai uno), come faccio a sapere se le carte in tavola non verranno cambiate successivamente? Altra questione: spese condominiali. L'appartamento che occupo non è ovviamente termoautonomo. Chi si sobbarcherà gli oneri di un riscaldamento centralizzato? Chi pagherà per gli appartamenti vuoti (che un privato non potrebbe neanche affitare in quanto fuori norma), visto che fino ad ora questo lo ha fatto il demanio? Non riesco ad immaginare un privato che si sobbarchi questi oneri. Quindi, cosa devo dedurre? Considerato che verosimilmente rimarremmo in due in questo condominio, le spese intere saranno divise quindi per due? E questo si può ovviamente applicare anche per le altre spese, acqua ed elettricità. Saranno divise per due (o in quanti saremo) o per dodici, quanti sono gli appartamenti? Come il futuro proprietario ha l'obbligo di sottoscrivere un contratto di locazione alle condizioni precedenti, avrà l'obbligo di mantenere anche le altre spese simili per ogni affittuario? Tento di capire in questa nebbia, per non trovarmi con spese spropositate nel momento in cui decida di rimanere. A proposito, i famosi 5 anni di contratto ulteriori, sono obbligatori? Firmando, mi impegno ad occupare l'alloggio per tutti i 5 successivi anni? Sembrerà anche una domanda banale, ma non è spiegato da nessuna parte. Insomma, punti oscuri che però fanno la differenza (sostanziale!) tra una decisione e un'altra. Vi ringrazio per l'attenzione e per il lavoro che fate, sempre sul pezzo e puntuali. Cordiali saluti Giovanni Florenzano

R. - Caro Giovanni, CASADIRITTO, io sono solo Boncioli Sergio suo Coordinatore, ha intenzione di dedicare a Brescia uno dei prossimi Report su Brescia. Ai tuoi quesiti penso di rispondere in maniera efficace, per telefono così è meglio interloquire direttamente con piccoli chiarimenti. Un caro saluto e a sentirci presto, Sergio Boncioli

STRADAFACENDO

SOSTIENI CASADIRITTO

Per contribuire a Casadiritto versamento tramite c/c postale n. 1037876560 oppure con bonifico IBAN n. IT30 F076 0103 2000 0103 3787 560 intestato a IOSSA TEMISTOCLE con causale CASADIRITTO

ADNKRONOS